Italian Bowl Weekend: acquista online i biglietti
Diventa arbitro di Football Americano
 
DIAFERIA RIENTRA IN SQUADRA
Confermata la presenza per la stagione 2018


Parma, 12 febbraio 2018 – Prodotto delle giovanili nero argento e titolare affermato da parecchi anni, Francesco Diaferia, dopo lo stop forzato per motivi di salute che gli ha impedito di partecipare totalmente alla passata stagione, conferma il rientro nella difesa guidata sapientemente da coach Zardin per il campionato che inizierà a breve.
Abbiamo scelto di fare quattro chiacchere con lui.

Ciao Francesco, come hai vissuto la stagione passata, costretto a non poter essere parte attiva sul campo?
Non era di certo nei miei piani a breve termine lasciare il football giocato, ed essere stato costretto per un problema di forza maggiore mi ha fatto soffrire parecchio. Mi sono spesso sentito impotente, impossibilitato al poter dare una mano ai miei compagni, sopratutto nelle difficoltà, e la cosa mi ha logorato parecchio. Fortunatamente il peggio dovrebbe essere passato e non vedo l'ora di poter tornare nuovamente in campo.

Al tuo rientro che Panthers hai trovato?
Ho lasciato i miei compagni due anni fa dopo la sconfitta in semifinale contro i Giants Bolzano e il rammarico di aver perso una partita, comunque a portata, è stato tanto. Lo scorso anno si è ripetuto praticamente lo stesso risultato uscendo sconfitti sempre in semifinale contro i Seamen ed i compagni che ho ritrovato hanno voglia di riscattarsi. La preparazione alla nuova stagione va ormai avanti da diversi mesi, ci sono ottime motivazioni per fare meglio.

Persi Carboni, Francani e il duca Shkreli arrivano Erioldi, Jesus e tu… meglio o peggio?
Purtroppo lo sapremo solamente a fine stagione. Sicuramente abbiamo perso tre buonissimi elementi, ma i "rinforzi", per quanto visto fin'ora faranno di tutto per non farne sentire la mancanza.

Cosa pensi di Durham dopo l'anno scorso… era davvero un obiettivo la sua riconferma? Non era meglio trovare un QB o un RB?
Ad oggi con Malpeli Avalli ritornato a pieno regime e Pooda come sostituto non penso proprio che i Panthers abbiano bisogno di un RB. Per quanto riguarda il QB invece di puntare a sostituire Monardi, penso serva qualcuno che lo metta in competizione per il posto da titolare: nel giro di qualche tempo sicuramente Davide Rossi sarà un bel rivale per Tommaso. Probabilmente una scelta efficace sarebbe stata trovare qualcuno, come a suo tempo sono stati Craddock e Tharp, che hanno provveduto a gestire sia Monardi che l'intero attacco durante gli anni "vincenti", un offensive coordinator a tutti gli effetti. Purtroppo ragazzi come quelli non è facile trovarli sulla piazza.
Da Kris invece ci aspettiamo quello che tutti ovviamente si prospettano da un ex-NFL, ma che l'anno scorso, vuoi per l'infortunio che gli ha impedito di esprimersi al meglio sin da subito, non è stato in grado di dare. Sicuramente quest'anno cercherà anche lui il suo riscatto personale.


Parliamo ora di chi praticamente ti ha allenato da sempre. Montaresi, Zardin e Papoccia. Riesci a dare 3 aggettivi per ognuno?
Altruista, deciso, nervoso, attento, stimato, energico, ottimista, pessimista, arrogante..a voi decidere come attribuire gli aggettivi.

Dopo Ivano Tira si pensava ad un fuggi fuggi generale, invece… se esiste qual è il segreto?
Fortunatamente l'attuale presidente ha saputo farsi carico in poco tempo dell'enorme incombenza che può essere una società aritcolata come i Panthers. Se ci troviamo a poter disputare ancora un campionato ai massimi livelli significa che siamo comunque sulla buona strada.
Se esiste un segreto è che a Parma tutto sommato si sta bene sotto tutti i punti di vista, la vera forza di questo team sta nel gruppo.


Dacci una previsione delle quattro semifinaliste del campionato di prima divisione 2018.
Giants e Seamen quasi sicuramente. Poi ovviamente penso che i Panthers siano buoni concorrenti al titolo. Sono un pò dubbioso sul quarto team, sicuramente sarà una sorpresa per la prossima stagione.

Un pensiero prima di salutarci...
Sui cadaveri dei leoni festeggiano i cani credendo di aver vinto, ma i leoni rimangono leoni e i cani rimangono cani.

Grazie Francesco.
Grazie a voi, ci vediamo presto sui campi!

 
< Prec.   Pros. >